just fresh ideas
Think Fresh: un nuovo modo di essere Agenzia.
October 1, 2017

Think Fresh: un nuovo modo di essere Agenzia.

Strategia, creatività e competenze digitali: il succo di KIWI.

di Giancarlo Sampietro

Qualche tempo fa, Advertiser ci ha dedicato una lunga intervista, in cui Io, Giuliana e Federico abbiamo cercato di raccontare la nostra visione, i progetti più importanti ed il significato di Just Fresh Ideas. Ho pensato fosse utile riprenderne qualche estratto per riaffermare ciò in cui crediamo.

 

Qual è la vostra visione del mercato in cui operate?

Giancarlo […] il mercato della comunicazione sta vivendo una radicale trasformazione molto complessa da guidare. Come attrarre consumatori sempre più connessi e distratti? Come essere davvero rilevanti? In questo scenario, crediamo che il ruolo di partner dell’agenzia sia dare una risposta concreta a queste domande. È per questo che in KIWI è il pensiero creativo che gioca un ruolo determinante. Cercare risposte là dove nessuno osa guardare, scovare insight dove sembra troppo facile trovarli, creare contenuti davvero interessanti, ascoltare e interpretare tendenze e creare strategie inaspettate, il tutto con una chiara visione sul business del nostro cliente.

Cercare risposte là dove nessuno osa guardare, scovare insight dove sembra troppo facile trovarli, creare contenuti davvero interessanti, ascoltare e interpretare tendenze e creare strategie inaspettate, il tutto con una chiara visione sul business del nostro cliente.

Nel vostro profilo dite: “Prima vediamo dove va il mondo. Poi ci andiamo per davvero”. In che modo concretizzate questo proposito?

Federico […] Quello che intendiamo, con l’espressione citata, è descrivere la nostra attitudine, consci di dove vogliamo arrivare. Tenendoci sempre informati e aggiornati su trend e innovazioni, e avvicinandoci ogni giorno di più alla nostra idea del futuro. Con questa consapevolezza, coltiviamo le nostre idee creative e portiamo avanti i nostri progetti.

 

Come nascono le “fresh ideas”?

Federico […] In KIWI, definiamo le nostre fresh ideas “potenti strumenti di comunicazione” perché nel ricercarle ci assicuriamo che centrino con precisione gli obiettivi dei nostri clienti e che lo facciamo in modo spettacolare, emotivamente coinvolgente o semplicemente sorprendente. Poi, la vera differenza la fanno le persone, la loro cultura creativa e le loro attitudini personali: infatti, le fresh ideas nascono in un ambiente di grande confronto e forte entusiasmo. E, prima di essere presentare al cliente, devono superare lo step più arduo: coinvolgere noi stessi.

Think Fresh: un nuovo modo di essere Agenzia.

Dal reale al virtuale e ritorno… Si può dire che l’integrazione di web e territorio in attività che riescano a coinvolgere i consumatori in momenti, luoghi e modi diversi rappresenti una soluzione vincente?

Giuliana – Innanzitutto una precisazione: per noi non esiste la parola “virtuale”. Quello che succede nel digitale esiste a tutti gli effetti, semplicemente non è fatto di atomi. Se compriamo un biglietto aereo online, poi il volo lo prendiamo davvero. Se vendiamo un oggetto su eBay, poi dobbiamo spedirlo davvero a chi l’ha comprato, pagandolo con soldi veri. E così via. Il gioco digitale/fisico è uno dei tratti che ci rappresenta meglio. Per noi il digitale non è solo dietro un monitor, è ovunque. L’esempio più lampante è quello degli eventi sul territorio che spesso rappresentano un momento integrante di un approccio digitale a un brand. Di fatto, un evento è una miniera di contenuti che poi verranno condivisi sui canali digitali, con la certezza di ottenere il risultato più ambito: la rilevanza. Il fatto è che le persone non vivono su un canale solo e non vivono per i brand di cui, pure, si circondano. Molto più semplicemente incrociano questi brand nei loro percorsi quotidiani, indipendentemente dalla loro dieta mediatica. Quindi perché limitarsi a parlare di qualcosa su Facebook quando sappiamo che le persone interessate a questo qualcosa si trovano anche nel “mondo rotondo”? In realtà arriverà il momento in cui l’aggettivo “digitale” non sarà neanche più importante per definire un’operazione di comunicazione. Sarà comunicazione e basta, come è giusto che sia.

In realtà arriverà il momento in cui l’aggettivo “digitale” non sarà neanche più importante per definire un’operazione di comunicazione. Sarà comunicazione e basta, come è giusto che sia.

Come immaginate il mondo di domani e che obiettivi vi date rispetto a queste aspettative?

Giancarlo – Guardiamo con curiosità e ottimismo il futuro e vediamo il cambiamento come un’opportunità. Per questo ci troviamo a nostro agio quando pensiamo alle sfide che ci aspettano. Per esempio l’evoluzione dei social, in particolare Facebook: come si trasformerà? Che ruolo avranno gli utenti? E i contenuti? Il nostro obiettivo è di creare progetti di comunicazione che sappiano sfruttare i nuovi strumenti, che sappiano emergere in nuovi contesti e che generino risultati rilevanti per noi e i nostri clienti. Siamo certi infatti che questo nuovo campo di azione dia grandi prospettive di sviluppo per agenzie come KIWI. Nei prossimi due anni vogliamo continuare a crescere e consolidarci presso i nostri principali clienti e sviluppare nuove aree di business come ad esempio la produzione di contenuti creativi, che già oggi pesa oltre il 20% del nostro fatturato e si baserà sempre di più su un modello di co-creation con video maker, creativi, influencer e social community. E ovviamente continuare a essere sempre “freschissimi”!

 

Per chi volesse gustarsi l’intera intervista, la trovate qui.